pulsatilla-montana

Un anno di fiori con Prealpi Cansiglio Hiking

I FIORI DELLA SETTIMANA!

Iniziamo questa rassegna dai fiori che incontriamo lungo le nostre escursioni.

Qualche notizia i più per i nostri appassionati

Questo scorcio di fine inverno ci ha regalato delle fioriture esplosive. Ecco che qui vi presentiamo due specie splendide che proprio in questo periodo allietano di colori i nostri cammini! Dedicheremo spazio a una pianta erbacea ed una legnosa Inizieremo dalla Pulsatilla montana e dal Pero corvino.

Ecco le schede botaniche e buone esplorazioni…

Pulsatilla montana (Hoppe) Rchb. subsp. montana

 RANUNCULACEAE Juss.
Ranunculales Juss. ex Bercht. & J.Presl
Ranunculanae Takht. ex Reveal
Magnoliidae Novák ex Takht.

La pulsatilla montana è una specie a distribuzione sud europea presente in quasi tutto il nord Italia e diffusa nelle Prealpi. Soprattutto in ambiente carsico la specie è relativamente comune, crescendo nei prati aridi montani rupestri, su suoli calcarei poco profondi e ricchi in scheletro, con buona presenza di humus, subaridi d’estate, da 100 a 2100 m circa. Nel nostro territorio la possiamo trovare nei siti più meridionali (versanti assolati delle prealpi trevigiane (vittoriese) così come nel carso isontino e triestino.

La minaccia principale per la presenza della specie è data dall’incespugliamento dei prati-pascoli ove crescono. La pianta contiene alcaloidi ed è tossica per l’uomo. Il nome generico deriva dal latino ‘pulsare’ ed allude al caratteristico dondolio dei fiori sotto l’azione del vento. Forma biologica: emicriptofita scaposa. Periodo di fioritura: marzo-maggio.

Luoghi speciali dove lo troviamo abbondante e in pieno fiore in questo peioodo: Castelir e Col Nudo di Villa di Villa (Tv)

Amelanchier ovalis Medik. subsp. ovalis

ROSACEAE Juss.
Rosales Bercht. & J.Presl
Rosanae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Il pero corvino è un arbusto presente in tutte le Prealpi e si estende dalle aree aride dei magredi sino alle quote medio montane ma sempre su versanti meridionali e a suoli rocciosi, carsici o comunque asciutti. Pianta pioniera la troviamo nelle pinete, boschi radi di orniello e carpino nero e ghiaioni. Gli splendidi fiori creano una pennellata di bianco su tutte le colline prealpine. I frutti sono neri, sferici e commestibili anche se non particolarmente gustosi. La fioritura va da metà marzo sino a maggio nelle zone meno esposte.

Luoghi speciali dove lo troviamo abbondante e in pieno fiore in questo periodo: Monte Altare a Vittorio Veneto (Tv)

LASCIA UN COMMENTO